mercoledì 19 gennaio 2011

Real Time Rehab

Incuriosito da 99.999 canali sintonizzati dal mio bel decoder, comincio a guardarli uno per uno.
I primi 8 ok sono il mantra di una generazione. Dal 9 in poi l'ignoto. A parte deejay tv, cielo e pochi altri il resto sono reti locali, buone solo per qsvs, e non ho mica capito come facciano a tirare avanti. Poi degni di nota ci sono poker24, alcuni canali rai (tipo 4, 5 e extra premium mega ultra) che ogni tanto qualche cosa di buono trasmetteno e poco altro. Tra l'altro per consultare il palinsesto di una serata sei costretto a consultare 18 siti diversi...(se qualcuno ha suggerimenti si faccia avanti). Poi dopo tele blu, tele capri rete italia, donne e motore, gioie dolori, tele tu, italia 19, canale piazza liscio, trovo il 31. Il logo dice "real time". Massì, non ci penso, dai diamoci un occhio, la grafica è piacevole, i jingle stilosi e orecchiabili. E poi è subito malattia. Ora il resto dei canali non ha più senso di esistere. Che mi frega del TG quando posso vedere come si mette in piedi un matrimonio (hey un momento, l'ho fatto anche io cazzo!), o vedere dei lavori di ristrutturazione di un bell'appartemento in zona sempione, o come si preparano delle torte fighissime? e non importa se sono sempre uguali a se stessi va bene così.
Il primo passo di outing è stato venerdì sera davanti a una birra. Un po' timoroso la butto li...avete per caso visto real time? E si parte tutti insieme a canticchiare la sigletta di vendo casa disperatamete. Naaaa-na na nà na nà nananananà...non so spiegarvelo, forse è la prima volta che in tv, senza abbonamento o altro, si riesce a veder qualche cosa di diverso e fatto bene,piacevole, senza urla, voglarità o pervaso dallo spirito dei reality. Ora con mia moglie parliamo solo di quello, non facciamo più la spesa, trascuro l'igiene personale, ma ragazzi, ad accostamenti di colore sono imbattibile, il mio galateo è migliorato parecchio, e comincio a trovare attraente George Clooney.

Ciao a tutti.
Mi chiamo Kitsch Master.
E ho una dipendenza da Real Time.
Finalmente da quando è sbarcato sul digitale terrestre non mi sento più solo. No, perchè, io sono anni che li guardo su Sky e non trovavo mai nessuno con cui parlarne. Non riesco a capirne il perchè, ma è una cosa che ti entra nel sangue. Uno passa anni e anni a studiare, leggere, guardare film francesi di cui non si capisce un cazzo per crearsi un alone di cultura e poi bastano due wedding planner effemminati per fotterti completamente il cervello. No, perchè, diciamocelo, ogni minuto passato davanti a Real Time ti avvicina all'omosessualità e tu lo sai benissimo, ma non puoi (e non vuoi) smettere. E ti ritrovi a discutere con gli amici davanti ad una birra sugli accostamenti di colore, a come si deve organizzare un matrimonio o se è il caso di utilizzare i sottopiatti quando si ricevono ospiti (Roberto Ruspoli dice di no). L'ultimo sussulto di virilità fa capolino in me quando vedo Alessandro Borghese (il figlio di Barbara Bouchet) ribadire per l'ennesima volta che per l'aperitivo ci vogliono le bollicine fresche ed io penso "Ma come fai a star così tranquillo in tv quando generazioni e generazioni di uomini si son fatti le seghe pensando a tua madre?", ma è solo un attimo.
Vogliamo parlare delle persone che cercano casa disperatamente?!? "Vorrei un loft di almeno 200 metri quadri con giardino, zona San Babila, il mio budget è 2 milioni di euro". Se non lo guardo in tv quando cazzo mi ricapita di vedere un appartamento del genere. Non riesci a vendere casa? Per forza, è anni che ti affidi ad agenti immobiliari con il nodo della cravatta più grande della testa, dovevi chiamare Paola Marella, splendida signora con ciuffo bianco che chiama un architetto (oh, gay anche lui, robba di classe) che ti fa un muro arancione e come per magia uno stronzo che compra il tuo loculo lo trovi.
Io credo che il motivo che spinge a vedere questi programmi sia di base la voglia di farsi i cazzi degli altri e criticarli, ma a differenza del grande fratello, qui si tratta di programmi fatti bene, garbati e profondamente crudeli, ma con ironia.
Vogliamo mettere i giudizi di Enzo Miccio con la caciara della casa del grande fratello?!? Tutta un'altra storia.
Però, sempre davanti ad una birra, siamo ancora d'accordo tutti su una cosa: Paint your life fa cagare.

Contattata da noi ecco anche un parere di una donna con pessimo gusto in fatto di uomini:


Mi chiedete di parlare della mia dipendenza? Certo, nessun problema. Ogni mattina, dopo il suono della sveglia inizia il vero incubo…no, non sto parlando del freddo torinese che attanaglia e che ogni santa mattina, da ottobre a maggio, non ti permette di abbassare la guardia, non sto parlando nemmeno del lungo viaggio che, quando la nebbia non mi permette di trovare la mia bicicletta, devo affrontare sul claustrofobico e intasato 10, che viaggia a velocità rallentate (come dicono gli statuto”che si muovono lenti”….eh Kitsch, che mi dici?), ma è in grado di prendere una curva a 60 km/h, non sto parlando nemmeno delle mie 7 ore d’aula insieme a ragazzi che faticano a comprendere che non è indispensabile indossare lo stesso piumino, nero, lucido in ogni condizione atmosferica, e no, non sto parlando nemmeno dei calzini arrotolati e secchi che devo lavare almeno 3 volte a settimana da più di anno. Sto parlando dell’incubo che da qualche tempo non mi fa vivere al meglio la mia giornata….cosa indosserò oggi? Che cosa posso indossare, scegliendo tra i capi d’abbigliamento low cost che mi ritrovo nell’armadio? Quale tonalità di verde scegliere, quale maglione, camicia, quale pettinatura o trucco non farà urlare al mio collega l’ormai temuta frase….”MA COME TI VESTI?!?!?!”. Perché poi io lo so come andrà a finire, la trafila è sempre la stessa….Enzo e Carla mi spiano per strada e alle mi spalle criticano e ridono di me, mi beccano mentre bevo in santa pace il mio caffè della mattina, mi danno due sacchetti sfigati (shoppers n.d.K.M.) dove cacciar dentro i miei umili straccetti (per poi scaraventarli in un bidone della pattumiera mentre io con un filo di voce dico “ma a me piaceva tanto quella maglia!!”, e poi mi cacciano in mano una tessera con 1.000 euro di shopping. E io accetto, vado in un negozio e anche lì, loro mi spiano, vogliono che mi rifaccia il guardaroba, 1.000 euro sono tanti soldi, ma se per una gonna, una camicia, un paio di accessori e delle scarpe ne devo spendere 550, mi vesto per due giorni da figa e poi torno alla maglietta slarga di Promod. Perché non lo capiscono?!? Certo, poi quando mi vestono loro, mi truccano, pettinano, prenotano il locale (e forse anche degli amici finti che mi dicano…”Dio mio, non ho mai visto la mia amica così bella” o ancora “meno male che le avete fatto scoprire la sua femminilità, sembra un’altra persona”, “era bella anche prima, ma ora…”) tutto ha un altro gusto anche per me! E se anche dovessi sopravvivere a questa umiliazione, l’incubo non termina qui. Torno a casa, mi siedo sul divano e fisso il mobiletto di casa mia, giallo, anni ‘70…mmmm, casa mia è anni ‘70, bello, no? No!! Solo un paio di dettagli sono anni ‘70, il resto è un misto di stili, Paola Marella, Andrea Castrignano cosa mi direbbero se entrassero ora a casa mia? Una casa come questa chi mai la comprerebbe, dovessi aver bisogno di venderla?!? L’unica cosa che potrei scrivere sulla mia inserzione sarebbe…”VENDO CASA DISPERATAMENTE”, solo questo potrei scrivere, lo so, e mi rattristo. Poi però penso che fra poco torna a casa mio marito, magari mi metto in cucina e preparo qualcosa di sfizioso, in fondo Alessandro Borghese, Gordon Ramsay e Buddy Valastro, me ne hanno date di idee: antipasto, primo, secondo, dolce con vino abbinato …apparecchio: un bel centro tavola, bicchieri, posate per ogni portata, tovagliolo dell’ikea colorato, fiori. Preparare una cena per un marito è cosa tutt’altro che facile! Cucinare, imbandire una tavola che sappia creare atmosfera, che esprima la personalità del suo creatore e che, al contempo, possa mettere a proprio agio l’ospite, richiede attenzione, pazienza e fantasia.…si preannuncia una serata di fuoco, lui impazzirà…lui si, ma ecco di nuovo l’incubo: Alessandro Borghese, Roberto Ruspoli e Chiara Tonelli iniziano: “casa senza personalità, sembra uno di quegli appartamenti in affitto, al mare”. E la tavola, “volgare, senza attenzione al dettaglio, i tovaglioli di carta poi, volgari, non ci siamo!” E “non si dice PIACERE quando stringi la mano a qualcuno che non hai mai visto, come fai a sapere che sarà un piacere se non lo conosci?”, e BUON APPETITO…ma stiamo scherzando?!? “Non si mangia per appetito, si mangia per piacere”, è tutti fuori luogo, dozzinale! Non so come uscirne, come mi muovo, rendo infelici e delusi i miei nuovi compagni di vita, il tempo che trascorro in una giornata diventa posticcio, non tempo reale. Me ne vado a letto, l’incubo così terminerà, ne sono certa, la notte porta consiglio, la notte è serenità….infilo il pigiama, l’elastico dei pantaloni però stringe, non riesco a prendere sonno, forse una salvezza c’è, Roy De Vita, per me, un’affezionata del canale 31, solo per me, potrà diventare solo per una volta “Roy De Nazareth”?!

36 commenti:

  1. Paint your life fa stracagare.

    "Ma come ti vesti" rulez, è il migliore.

    Enzo Miccio è troooooooppo féscìon

    RispondiElimina
  2. SEI IL MIO MITOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!....pensavo di essere l'unica a subire questa droga invece ...esiste una comunità per disintossicarsi???
    VAle...la tua collega!!!

    RispondiElimina
  3. Evabbè faccio outing anch'io.

    Però mi sono fermato, nella lettura del post, a Alessandro Borghese (il figlio delle seghe).
    Dai non ci credo che quest'uomo dia la mano ad un altro uomo per salutarlo sapendo che quella mano potrebbe essere suo padre.

    RispondiElimina
  4. Grazie ragazzi,
    è un piacere sapere di non essere soli in questa dipendenza, il vero problema è che noi non vogliamo guarire. L'unica cosa che vogliamo è che cancellino Paint Your Life con quella maledetta stronza.

    RispondiElimina
  5. Nooooo non ditemi che Andrea Castrignano è gay!!!! Mi piace così tanto! Ho fantasie inconfessabili di me e lui ogni volta che lo vedo!!!! :-( !!!! E SONO FEMMINA!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' palesissimo, eh....

      Elimina
  6. Io sono affascinato dal Boss delle torte.
    Un pasticciere terro-americano che "costruisce" torte enormi di un cattivo gusto inusuale e che in qualsiasi occasione, lavorative e non, indossa sempre e soltanto la sua uniforme bianco zozza.
    In una puntata la torta, dopo una settimana di lavori, si è consegnata da sola. Straordinario!

    RispondiElimina
  7. Cara Amica Anonima,
    continua pure a fantasticare su Andrea Castrignano che utilizza due tonalità di grigio per creare un delicato effetto scatola nella tua cucina tinteggiando a petto nudo. Anche se nell'ultima puntata l'ho visto fare gli occhi dolci all'imbianchino egiziano.

    RispondiElimina
  8. ciao sono BeerBaron e anch'io sono real-time-dipendente...

    per fortuna il mio viaggio verso l'omosessualita' e' rallentato da discovery channel: potrei accendere un fuoco per scaldarmi in metropolitana usando i city e due piastrelle, e distillare la mia urina per bere dei liquidi quando le macchinette automatiche mi ciulano i soldi senza darmi la bottiglietta.

    E se mi va, potrei demolire l'intera linea verde minando tutte le fermate e schiacciando un bottone..

    RispondiElimina
  9. ragazzi Real Time provoca dipendenza ma Andrea è davvero l'uomo piu' sexy che esista!!! Ogni volta che lo vedo mi vien voglia di vendere casa... anche se la ho appena finita...
    da Single incallito!

    RispondiElimina
  10. mi consolo un pò vedendo quanta dipendenza dia Real Time...ma ABOLIAMO PAINT YOUR LIFE!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfettamente d'accordo, nn sopporto quella saputella in tuta bianca......

      Elimina
  11. a me non piace come lavora castrignano... muri arancioni, pavimenti rossi, strisce grigine e blu, il colore come unica soluzione... bha!! Gli altri due architetti sono più bravii!!! e poi... NON è bello, e anke se lo fosse se la tira un casino... non mi piace proprio! bacii

    RispondiElimina
  12. Premesso che, reputo che il digitale terrestre sia completamente inutile; il canale Real Time è una valida alternativa al resto dei programmi spazzatura. Tutti molto bravi e gradevoli, unica eccezione paint your life, chi oserebbe mettere in casa le orrende trovate che propone la volenterosa conduttrice?

    RispondiElimina
  13. Barbara di Realtime la trovo una ragazza dolcissima e molto adatta a fare quel tipo di programma. Non viene apprezzata perche' non ha dei modi di fare "televisivi" e se vista in quel senso, non ce la fa' a conquistare la parte di pubblico senza fantasia che vorrebbe che a costruire uno sgabellino con il tappo di uno spumante sia una donna bellissima e seducente, firmata e ciaciarona bla bla bla.
    Di conduttrici come Barbara Gulienetti non se ne vedono molto spesso nel piccolo schermo...non capisco davvero cosa non puo' piacere di lei. E' sempre sorridente, educata, dolce, professionale, tenera.... chissa' perche' mi viene impossibile pensare che c'e' gente che la odia....al massimo puo' non piacerti o no?!?!
    Andreino

    RispondiElimina
  14. anche io non posso più fare a meno di real time... una "rilassante" e "divagante" alternativa alla solita pappa televisiva... e mi piace anche Paint your life...
    Gabriella

    RispondiElimina
  15. adoro anch'io real time... anche paint your life è carino, anche se le cose che si fanno sono sovente francamente raccapriccianti... real time dà dipendenza, ma non amo per nulla i programmi tradotti

    RispondiElimina
  16. paint your life è bll e creativo,i progremmi di enzo miccio carini e allessandro borghese è strasimpa!!!
    nll pubblicità borghese k balla e k qnd suonano fa una faccia da pesce in trappola!!!
    trp bll REAL TIME!!! sn d'accordo con te Gabriella!!!

    RispondiElimina
  17. Accidenti... allora ci sono dentro anch'io... :-( però mi consola il fatto di scoprire di non essere l'unico sclerato per Real Time che guarda e riguarda fino allo sfinimento le stesse repliche! Vado matto per Paola Marella, Andrea Castrignano, il pittore Saverio, Enzo Miccio e Carla Gozzi (mi sono addirittura iscritto al suo blog e prendo per il culo le blogger che chiedono consigli di moda). Paint your Life non mi fa impazzire per i contenuti e per i lavori proposti (ma dove si trova il bullonato per pavimenti??), ma l'atmosfera del programma è comunque gradevole. E per concludere mi farei volentieri Roberto Ruspoli...
    Fabio

    RispondiElimina
  18. Non toccatemi "Paint your life", l'unica trasmissione serena e paciosa della TV, che trasmette la vera tranquillità e inutilità con una vocina zen di Barbara! Della finta e provinciale coolness di Miccio e delle sintetiche torte di italo-americano (but really? Valasco? the colombian one ehhehe)con le sue mimiche sintetiche mi frega poco... Comunque il resto ci sta, la splendida Paola e il buffo Ale (ma quanto cerca di essere Oliver dei "nostrani" stivali?), va bene Ruspoli con isuoi occhioni perennemente aperti (ipertiroidismo secondario?)vanno bene anche un po ripetitvi e fastidiosi Micci&Angeli, a patto di non eccedere. Ok anche Carla che pare una vecchia strega con la voce da cornacchia...

    RispondiElimina
  19. il terro-americano è qualcuno,chi altro può dirlo?

    RispondiElimina
  20. ciao ragazzi ..bello real time mi piace molto il duo marella-castrignano mentre paint your life fa cagare!!!..sono uomo ed etero però devo dire che andrea è un bel ragazzo

    RispondiElimina
  21. io sono più che dipendente da real time!! non studio più per vedere carla ed enzo che umiliano la sfigata di turno; il borghese, la tonelli ed il sexy ruspoli che si fanno ospitare, preparare la cena, servire e guardano la casa delle povere, ignare, vittime, per poi ridicolizzarle davanti ad un pubblico di real time-maniaci; la marella del quale amo il ciuffo bianco ed il castrignano, che mi farei con somma gioia; e poi essere rattristato dall'inutilità dei pacchiani gadget della dolce barbara...
    un bacio ai miei compagni di dipendenza,
    gabriele

    RispondiElimina
  22. SI SI SI..CHIUDETE PAINT YOUR LIFE...FA' CAGARE E DURA TROPPO...........FORZA VOGLIAMO....IL BOSS....ALESSANDRO BORGHESE....CORTESIA PER GLI OSPITI......GLI ALTRI POSSO PURE CAMBIARE LAVORO

    RispondiElimina
  23. Forza Saverio!!! Il pittore numero 1 !!!!! :D

    RispondiElimina
  24. Alessandro Borghese fantastico nei suoi modi sempre allegri e caciaroni da eterno peter pan. Enzo Miccio sempre impeccabile anche sotto il sole a 40 gradi con i suoi completi strizzatissimi,super glamour Donna Marella con le sue splendide borse e quei vestitini anni 70 alla Dalida'. Roberto Ruspoli..dico io ma ti sembra il caso di presentarsi con quelle t shirt scolorite ad una cena da sconosciuti...pero' ti inviterei a cena da me..e la maglietta la toglirei subito via. Sei bello da morire. Valerio

    RispondiElimina
  25. Anche io Real Time dipendente.. .mi piace mi fa sognare.. specialmente l'idea di farmi ristrutturare casa da Andrea Castrignano per poi godermi i suo muri grigi mentre mi godo un orgia con lui e con Ruspoli....
    Roberto

    RispondiElimina
  26. PAINT YOUR LIFE E' UN PROGRAMMA INUTILE, FANNO DELLE COSE ORRENDE

    RispondiElimina
  27. paint your life non è male come programma..ma la conduttrice è insopportabile! Andrea castrignano è davvero un bell'uomo, ma penso proprio che sia gay purtroppo..carla è logorroica e certe volte sembra ubriaca! enzo miccio è davvero simpatico ma a volte esagera..paola marella è una bellissima signora, con un fisico stupendo. Borghese mi è indifferente, la tonelli è davvero adorabile e una bellissima donna..a volte però indossa vestiti improponibili.. Ma vogliamo parlare di ruspoli? Guardo cortesie per gli ospiti solo per vedere lui..non riesco a togliere i miei occhi da lui..ha un fisico meraviglioso e un viso da vogue! È sexy, molto sexy.. Me lo sbatterei continuamente..poi non so voi..ma faccio continue fantasie su di lui..se devo dirla tutta mi farei una bella cosa a 4 con lui, la tonelli e castrignano..

    RispondiElimina
  28. Andrea Castrignano sei un insulto per i veri architetti quale tu non sei, smettila di fare set televisivi di cartone COLORATO...fai schifo...fa schifo il programma..farà schifo quello su canale5..

    fai davvero pena

    RispondiElimina
  29. realt time è la tv scacciapensieri...fa compagnia e ti vien voglia di cambiare canale solo con Pant Your Life - andrea castrignano è un mito e l'anonimo che ha scritto prima di me è ridicolo ed invidioso

    RispondiElimina
  30. Anch'io sono dipendente di Real Time come IL_GIO che ha lasciato un post da urlo e penso che tutti quelli che criticano i vari conduttori siano solamente INVIDIOSI. Se preferite i giochi truccati con i finti premi, i reality show o i telegiornali che parlano solo di disgrazie non avete che l'imbarazzo della scelta e.. voltate canale!

    RispondiElimina
  31. Iniziamo da Paint your life...programmo ignobile.
    Buddy Valastro...suo padre ha inventato tutti i piatti della cucina sicula,a casa sua vengono a mangiare tutti i personaggi famosi d'Amererica, dal suocero Mauro Belgiovine, al cognato Mauro Castano, al cugino Tony Bellifemine al capo della Polizia Al Capone...piatti tipicamente leggeri conditi con 3 teste d'aglio, 5 cipolle, 3 litri d'olio extravergine d'oliva, 1 kg di pepe e sale...sempre buonissimi e leggeri...
    E che dire delle new entry come "mamme che amano troppo"...un programma vomitevole, dove una rachitica tossica di nome Lenoire, "educa" genitori troppo premurosi a spingere i loro figli ad uscire di casa per portare il cane a pisciare nel giardino....
    E Gordon Ramsey?...in ogni ristorante ovviamente il cibo fa schifo, le dispense sono piene di cibo marcio, il cuoco di turno, solitamente un clandestino messicano o l'italo americano baffuto e paffuto, sono degli incapaci, ma poi misteriosamente diventano dopo 2 giorni dei mega chef da stella michelin .
    Ma la new entry preferita è Clio Make Up...un programma condotta da una sfigata con tipico accento Veneto-americano che ci insegna tutti i trucchi per un make up perfetto, dal truccarsi le guance con succo di arancia mischiato con foglie di banano a depilarci il naso con un cavatappi appuntito....W REAL TIME

    RispondiElimina
  32. Ragazzi/e che commenti avete fatto,mi sono sbellicata dalle risate...hahah!Io credevo di essere l'unica drogata di real time,e invece sono in buona compagnia.
    Paint y.l.mi piace ma la figlia di Gianni Boncompagni quando parla fa cascare il latte alle ginocchia. L'unico neo di Real time sono le troppe repliche.

    RispondiElimina
  33. Ma la Giulienetti e la Boncompagni sono due Barbare diverse! Anche se il gusto per l'orrido è il medesimo per entrambe ...

    RispondiElimina