mercoledì 15 settembre 2010

La tessera del milanese

Non so voi, ma io avevo voglia di tornare a San Siro. Mi ricordo la prima volta che son andato: era il 6 settembre 1989, il muro di Berlino non era ancora caduto e l'Inter portava il tricolore sulla maglia. Inter-Lecce 2 a 1 gol di Klinsmann e Brehme. Era un mercoledì sera, uno dei primi turni infrasettimanali, ma quell'estate ci sarebbero stati i mondiali delle notti magiche e bisognava finire il campionato il prima possibile. Quante emozioni, ancora adesso quando vedo San Siro mi vengono i brividi dall'emozione.
Grazie alle nuove regole i brividi ora sono di disgusto. Sono tesserato da 16 anni, ma la tessera del tifoso di quest'anno è la più grande invenzione della storia. Per chi non lo sapesse, quest'anno l'abbonamento (che si può pagare solamente in contanti, attenzione!) viene caricato direttamente sulla suddetta tessera che però non funziona a tutti i tornelli, diciamo che va un po' a culo, quindi ora ai tornelli ci sono scene di panico e delirio incontrollato stile funerale di Khomeyni, ma gestito da gente che capisce molto meno l'italiano.
L'Inter o chi gestisce queste cose per lei ha deciso di lasciare ai tornelli gente con un lievissimo ritardo mentale. Quando ho avvicinato la mia tessera al tornello, visto che non succedeva assolutamente un cazzo ho chiesto aiuto al minus habens più vicino che mi ha chiesto "Ma prima funzionava?", quando gli ho fatto presente che era la prima di campionato e quindi non c'era un prima, mi ha guardato come se io fossi un cretino e se n'è andato disgustato come se avessi scoreggiato in ascensore. Tra mille peripezie son riuscito ad entrare e la targa della nuova champions dell'Inter ha sbollito la mia rabbia (nella foto).
La modalità di cessione dell'abbonamento su tessera del tifoso è semplicissima:
_Decidere entro venerdì se si va allo stadio nel weekend, cerca di capire in settimana se ti ammalerai nel weekend
_Trovare la popolare più vicina a te
_Prendere qualche ora di permesso al lavoro
_Recarsi alla Popolare
_Fare la coda
_Litigare con quello allo sportello che non sa fare un cazzo e quindi ti tratta di merda
_Tornare al lavoro giurando di non fare mai più l'abbonamento
Ma attenzione! Quello a cui cedi la tessera dovrà avere la tessera del tifoso, quindi scordatevi di cedere l'abbonamento allo zio che torna per la prima volta in Italia dopo essere andato a lavorare nelle miniere del Belgio e vorrebbe vedere l'Inter per scoprire se ci gioca ancora Scifo. Se vuole vi avvisa qualche mese prima, vi manda 10 euro e si fa anche lui una carta di credito prepagata con la sua foto in cui assomiglia inevitabilmente a Boss Hog di Hazard.
Non sarebbe più logico che se cedo il mio abbonamento ad una persona sia io il responsabile? Ovvero, sarò io proprietario di tessera del tifoso che garantisco di non cedere la mia tessera ad un teppista, in caso di incidenti causati dal mio ospite sarò ritenuto anche io responsabile. Ma forse il concetto è troppo complesso.
Per non parlare dei problemi di quelli che hanno tessere aziendali, il mio vicino allo stadio ha cercato di spiegarmi tutte le peripezie, ma è complicatissimo e lui ha smesso di parlare quando ha iniziato a scendermi sangue dal naso per lo sforzo di capire.
E non azzardatevi a chiamare l'Inter per avere spiegazioni perchè di solito dopo aver esposto per 15 minuti il vostro problema, la risposta tipica è "Davvero?". Al chè di solito si lancia il telefono dalla finestra.
Esempio pratico del mio vicino di posto:
"Perchè devo pagare in contanti due abbonamenti a giugno quando li verrò a ritirare a settembre? Avete tutto il tempo di fare i controlli bancari, se son scoperto non me li date"
"Davvero? Non dovrebbe essere così"
Telefono buttato.
Insomma, concludendo, la tessera del tifoso mi sembra un'ottima cosa ed hanno fatto bene a farla fare da persone che evidentemente non hanno mai messo piede in uno stadio, così non hanno agito sotto condizionamenti campanilistici.
Non so come facciano gli altri paesi ad andare avanti senza, la apprezziamo così tanto che anche il nostro sito non ne può fare a meno.
Da domani per leggere questo blog sarà necessaria la tessera del milanese, averla è semplice:
_mandateci un fax con i vostri dati e la richiesta scritta di vostro pugno
_accettata la richiesta vi sarà mandato un piccione viaggiatore in risposta
_arrotolate una banconota da 10 euro intorno alla zampina del piccione che a quanto dice l'addestratore dovrebbe tornare da noi
_Cercate di connettervi, se funziona bene, se no non saprei, non funziona su tutti, ma prima vi andava?

10 commenti:

  1. Lisbeth Salander15 settembre 2010 11:43

    Dopo aver scoperto che sei anche un raffinato cinefilo mi sono decisa a chiedere la tua mano. Ti prego, uniamo le nostre mappature cromosomiche per frenare il dilagare di idrocefali come quelli della tessera del tifoso.
    Pensaci tesoro.
    (magari sostituisci il trattino con l'underscore che hai messo negli elenchi sopra...ma ti devo dire tutto io?)

    RispondiElimina
  2. Ho legato un venti alla zampa del piccione, il dieci di resto quando mi torna?

    La fantomatica tessera del tifoso l'avevo fatta per avere qualche precedenza per il Chelsea, m'è arrivato 27 mesi dopo.

    La nuova targa mi sa che la vedrò quando giocheremo col Tottenham.

    Ma cosa è successo!?!? Quanta gente vi segue? Non avete sentito la mancanza dei miei intelligentissimi commenti?

    Vi amo

    RispondiElimina
  3. Cara Lisbeth,
    non c'è nulla di più eccitante di una ragazza intelligente. Ah, no, una ragazza figa! Per favore mandaci una tua foto vestita solo di un tacco 12. Oppure dacci i riferimenti per trovare le tue foto su supertangas.com.
    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
  4. Caro Absinto,
    per avere il resto devi andare in uno degli sportelli della Popolare vestito da Astro Boy. Ci son mancati i tuoi commenti, ci fanno sentire tutti un po' migliori. (P.S. Per tua informazione I Cosi suoneranno al MFF...)

    RispondiElimina
  5. Grazie per la notizia, ma alle 19 suonano?! Spero di farcela!

    RispondiElimina
  6. Venerdì 17, ore 19.45 sul sagrato dello Strehler

    RispondiElimina
  7. Ci proverò, non li vedo da un sacco, chissà se sono rimasti così. (che simpa)

    RispondiElimina
  8. Lisbeth Salander16 settembre 2010 01:10

    E che ne dici di una ragazza intelligente, figa e pure pudica (l'accento sulla i, mi raccomando, ché mi ti distrai sempre) che si mostrerebbe così (s)vestita solo al suo promesso sposo?
    (ma insomma, dopo aver fatto l'intellettuale cinefilo ti vuoi creare un'immagine di maschio voyeur del web? Uffa)

    RispondiElimina
  9. Oddio K.M. mi hai fatto scendere tutta la poesia... Un Franco non può essere due cose:
    - un tifosto di calcio
    - un tifoso di calcio interista
    Altra prova che i Franchi non esistono! ;((((

    RispondiElimina
  10. Gentilissima PF,
    ci sono cose su cui non accetto critiche:
    _L'Inter
    _La mia famiglia (cane compreso)
    _La musica da mettere in macchina
    Sono per caso venuto mai a criticarti per come stiri, cucini o fai quelle altre cose che piacciono a voi donne?
    E poi ricorda: Uomo a cui non piace il calcio = Uomo a cui non piacciono le donne.

    RispondiElimina