venerdì 10 dicembre 2010

Woody Allen, non c'è un cazzo da ridere

Devo ammettere che ho sempre avuto una immensa ammirazione per Woody Allen, da quando da piccolo mio padre mi ha fatto vedere "Il dittatore dello stato libero di Bananas". Non credo sia esattamente il film da far vedere ad un bambino di 8 anni e questo pone seri dubbi sulla mia educazione e importanti domande su quanto questo abbia pesato sulla creazione della brutta persona che sono oggi, però fatto sta che all'epoca mi è piaciuto, anche se ho capito le battute a sfondo sessuale solo circa 15 giorni fa. Insomma, ragazzi, come si fa a non aver rispetto per Woody Allen, uno sgorbio che riesce a trombarsi delle donne bellissime, cioè tutte tranne la cinese che aveva in casa e che era formalmente la sua figlioccia, ma cercate di capirlo, all'epoca non c'erano i centri massaggi. In ogni caso ha fatto quasi sempre film bellissimi. Ecco, quasi sempre. Quasi. Sono andato a vedere "Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni" con le migliori intenzioni, cosa poteva andare male in un film che univa Woody Allen, Anthony Hopkins, Antonio Banderas e due super patatissime come Freida Pinto e Naomi Watts? Tutto.
Il film non è brutto brutto, però non è un granchè, niente di speciale, che viste le mie aspettative è anche peggio.
Nessuno spunto originale, il tema della zoccola già visto in "La dea dell'amore" unito al tema della giovane che sposa il vecchio già visto in "Basta che funzioni" non funzionano (gioco di parole voluto), pessimismo a palate manco fosse un CD di Mariottide, finale non finale non richiesto e poi, cosa peggiore di tutte, nemmeno un capezzolo, si, vabbè due occhiatine a Freida Pinto e Naomi Watts in lingerie, ma niente che non possa vedere con un buon cannocchiale dalla finestra di camera mia.
Fra l'altro l'ho visto al Colosseo che è il cinema più radical chic di Milano, uno di quei posti in cui si ride a battute che contengono parole come Kirkegaard, batracomiomachia o angioplastica senza che queste vengano accompagnate da un petofono, e se non è piaciuto nemmeno ai miei vicini con golf di cachemere, ma con i buchi sui gomiti vuol dire che stavolta il buon Woody ha fatto proprio cilecca.
Nel suo prossimo film c'è Carla Bruni. A meno che non venga posseduta da due cingalesi completi di rose e polaroid, un nano al guinzaglio, un dogo argentino ed il ciccione dei Club Dogo neanche questo promette bene.

Voto in stelline: 1/5
Voto in capezzoli: 0,5/5

13 commenti:

  1. Abiti vicino a Freida Pinto e a Naomi Watts? Diventa sempre più probabile il mio trasferimento a Milano.

    RispondiElimina
  2. A parte il fatto che Kirkegaard aveva due capezzoloni da competizione io, per una corretta valutazione di un opera del maestro Woody, sarei persino tentato di introdurre un voto alla lingerie.
    Perchè, è bene che si sappia, c'è lingerie e lingerie.

    RispondiElimina
  3. Effettivamente erano delle gran belle lingerie. Freida Pinto voto: 9/10 mutande
    Naomi Watts voto: 10/10 mutande.

    RispondiElimina
  4. ma cazzo, me lo immaginavo. Ho visto il trailer un mese fa e non prometteva granché, lo andrò a vedere giusto per rispetto.

    Ah: Bananas è il film che più mi ha fatto ridere in assoluto. Anche se rivisto non rende granché, a differenza di Amore e Guerra o Provaci ancora Sam (anche se qui non è lui il regista) che potrei rivedere tredici volte al giorno ridendo come la prima volta

    RispondiElimina
  5. Caro Grappa,

    Amore e guerra è un capolavoro, mi piace e mi fa ridere ogni volta che lo vedo. E' come quando rivedo la finale di Madrid ed ancora adesso mi vengono le lacrime. "Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice ne la miseria".

    RispondiElimina
  6. ma guarda, a me al massimo girano lipperlì, dopo le partite..poi qualche ora e mi passa, questo 2010 è stato talmente straordinario che riesco davvero a vivere Zen questa stagione.

    Ieri ho rivisto i primi dieci minuti (di Amore e Guerra, dico)..a

    - Io credo di essere mezza santa e mezza vacca
    - Scelgo la metà che dà il latte

    sono svenuto per l'ennesima volta

    RispondiElimina
  7. "Che bella pelle che hai" "Si, ne ho su tutto il corpo"
    "-Socrate è un uomo -tutti gli uomini sono mortali -tutti gli uomini sono Socrate, quindi tutti gli uomini sono omosessuali"

    RispondiElimina
  8. ehi, si sente che hai fatto ragioneria

    RispondiElimina
  9. Lisbeth Salander10 dicembre 2010 15:34

    "....voglio dire...io amo la lebbra...mi piace la lebbra, mi piace il colera e tutte le principali malattie della pelle".

    "Siete tutti sotto giro"
    "è Waaagner signore, lo prenda, ne resterà inEBREAto"
    "Per me ci si dovrebbe accoppiare a vita, come i piccioni e i cattolici"


    ...non ho tempo, altrimenti continuerei :)

    ciao (ah, ultimo Woody Allen visto: "Match point")

    RispondiElimina
  10. Cara Lisbeth,
    sapevo che avresti scritto anche tu.
    Bellissimo Match Point, ma il mio parere può essere falsato dalla presenza di Scarlett Johansson.
    Qualsiasi film con Scarlett Johansson diventa un capolavoro, andrei a vedere anche Natale in Sud Africa se ci fosse lei.
    Anche se mi considero sentimentalmente impegnato con te, Lisbeth, sia chiaro.

    RispondiElimina
  11. Ma solo a me W. Allen fa cagare?

    RispondiElimina
  12. Lisbeth Salander10 dicembre 2010 23:38

    Kitsch tesoro, per me Match point è a tutt'oggi l'ultimo film veramente bello di Woody Allen, anche grazie alla presenza di Jonathan Rhys-Meyers...tanto non sei geloso no?
    ;-))

    RispondiElimina
  13. Cara PF,
    sono molte le persone a cui non piace Woody Allen, non c'è problema. Però bisogna far qualcosa per la tua cultura cinematografica, prima zoolander adesso Woody Allen...

    Cara Lisbeth,
    nessuna invidia, a detta di molte Rhys Meyers in confronto a me sembra Jimmy il Fenomeno...

    RispondiElimina