venerdì 27 novembre 2009

No alla cultura, si al culturismo


L'altro giorno ho ripulito il portafoglio da alcuni fastidiosi foglietti che ormai lo rendevano grande come una smemoranda di una tredicenne.
Tra alcuni inaspettati ritrovamenti di cui si occuperanno gli esperti del museo egizio e una quantità incredibile di scontrini ormai diventati completamente bianchi, ho scoperto un foglio che mi offriva un mese gratis in palestra scaduto più o meno nel 2007.
Mi ricordo che quel foglio me l'ha dato un mio amico "Dai vieni in palestra con me! Ci divertiamo! Vedi?!? mi hanno dato anche un mese gratis per un mio amico..." "Si, ehm, dammi il buono che poi appena ho un attimo di tempo vengo", evidentemente negli ultimi 3 anni son stato molto impegnato.
Che poi è stata una fortuna perchè quel mio amico ha dovuto cambiare palestra dopo aver petato violentemente durante una lezione collettiva di addominali, fossi andato sarei stato additato come l'amico dello scorreggione e questa è una cosa sempre spiacevole, o lo scorreggione sono io o non mi piace fare la comparsa...
In ogni caso c'è stato un periodo in cui ci ho provato, avevo circa 10 chili in meno di oggi ed ero grassottello e fuori forma (quindi fate le proporzioni, nella foto, io mentre scrivo questo post). Mi son iscritto con una mia amica in una palestra non lontano da casa, zona Porta Romana, e qualche volta ci sono pure andato.
La palestra era piccola, ma aveva tutto: macchinari, un istruttore che ci provava con le ragazze e uno gay, la stanza per le torture detta anche stanza dello spinning e una microsauna di fianco alle docce che se eri da solo ci potevi stare seduto, in due era meglio stare in piedi (a meno che uno dei due non fosse l'istruttore gay, allora era meglio uscire).
Devo proprio dire che andare in palestra l'è minga el mè mestè: dopo circa 30 secondi di tapis rouland mi annoiavo e iniziavo ad emettere un fischio acutissimo respirando per lo sforzo, tanto che ogni volta che c'ero io chiamavano il tecnico dei condizionatori perchè "avevano ricominciato a fare quel rumore strano", allora ho portato l'ipod almeno per ammazzare la noia, ma dopo la terza volta che una macchina mi strappava le cuffie dalle orecchie e le usava per cercare di strozzarmi ho deciso che forse anche la palestra mi odiava e quindi era meglio smettere.
L'unica vera emozione che ho avuto in palestra è stato quando nello spogliatoio ho visto Elio, e stavo quasi per abbracciarlo e dirgli "Sei il mio idolo!" poi mi son ricordato di essere completamente nudo e ho preferito evitare.
Dopo la palestra ho deciso che potevo tenermi in forma semplicemente correndo un'oretta al giorno sotto casa.
In circa un minuto in cui corricchiavo evitando le merde sul marciapiede ho cominciato a diventar rosso, respirare come un bulldog e mi si sono invertite le ginocchia in una fantastica imitazione di uno struzzo con l'asma. L'unico motivo per cui non sono stramazzato al suolo è che avevo paura che i vari Latin Kings, New York e Chicago che bivaccano sotto casa mia potessero vendere i miei organi per racimolare (pochi) soldi per la droga e io sono contrario alle droghe.
Arrivato a casa (dopo circa 12 minuti) ero sudato come una merda, viola, inciampavo nella mia lingua, emettevo il rumore di una 126 smarmittata e puzzavo come una discarica d'estate. Si aprono le porte dell'ascensore ed ecco uscire la figa del secondo piano, quella che prego invano di incontrare ogni mattina. L'ho salutata con un latrato e son salito in casa piangendo, ma tanto con il sudore le lacrime non si vedevano.

7 commenti:

  1. E' una storia davvero commovente :'(

    RispondiElimina
  2. Grazie, anch'io ogni tanto piango ripensandoci.

    RispondiElimina
  3. Mi sono rivisto..bei momenti di vita vissuta.

    RispondiElimina
  4. Caro Dex,
    anche tu peti durante le sessioni di addominali?
    Un consiglio: cerca di nascondere il peto con un colpo di tosse, se trovi un modo per coprire anche l'odore avvisami.

    RispondiElimina
  5. secondo me, tossire in un momento di sforzo come quello non fa altro che amplificare il peto. Se non stai attento, poi, rimedi anche una sgommata sulla mutanda

    RispondiElimina
  6. Caro Grappa,
    la sgommata è facilmente risolvibile, ricorda che la mutanda è portabile in ben 4 posizioni diverse.

    Ci rivediamo anche sul tuo blog.

    RispondiElimina
  7. ha, I will experiment my thought, your post bring me some good ideas, it’s truly amazing, thanks.

    clomid

    RispondiElimina